Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Privacy PolicyOK

Customer Login

Lost password?

Vedi il carrello

Negozio

di Enzo Ramella

Quando i buoi tiravano il carro

Alla fine del XIX sec. la modernità irrompe nella provincia romana, con i suoi chiaroscuri, con la sua potenza a un tempo demolitrice e costruttrice: a riceverla, o a subirla, c’è una popolazione impreparata, organizzata in forme sociali ed economiche inconciliabili con il nuovo corso, e per questo condannate a scomparire. La cesura non è immediata, ma è netta e rapida: scompaiono classi di lavoratori, si azzerano le tradizionali forme di sicurezza sociale, si inasprisce la lotta di classe; nel contempo penetra tra i campi il pensiero positivista, con le sue macchine e le incessanti sperimentazioni.

Questo volume indaga il processo nell’ambito circoscritto dell’agro braccianese, attraverso la testimonianza di chi si è trovato dal lato giusto della storia, cercando di non dimenticare il prezzo pagato dagli altri.

ISBN 978-88-99321-07-9


12,00

Informazioni aggiuntive

Formato

15 x 21

Confezione

Brossura

Pagine

160

1 recensione per Quando i buoi tiravano il carro

  1. :

    Presentato presso:
    – Chiesa di S.Maria del Riposo (Bracciano RM, 30 giugno 2016)
    – Muso Festival (Oriolo Romano VT, 23 luglio 2016)
    – Giardino Sala Natili (Canale Monterano RM, 20 agosto 2016)
    – Museo della Civiltà Contadina e della Cultura Popolare “Augusto Montori” (Anguillara Sabazia RM, 10-09-2016)
    – Erbacce e dintorni (Bracciano RM, 2 ottobre 2016)
    – Sagra della Castagna (Manziana RM, 16 ottobre 2016)
    – Granfà (Anguillara Sabazia RM, 28 luglio 2017)
    – InFestiAmo (Bracciano RM, 16 settembre 2017)

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L'Autore

Author

Enzo Ramella (1980) si forma negli studi classici presso l’università di Perugia, dove si laurea a pieni voti in Archeologia classica. In seguito consegue il dottorato di ricerca in Storia moderna presso La Sapienza, grazie ad una monumentale ricerca sugli usi civici. Profondo conoscitore del patrimonio archeologico e storico del territorio, ha declinato le sue competenze nel campo della divulgazione e del turismo. Ha curato inoltre l'edizione de «Il Castello di Bracciano. Guida Storico-Artistica» (Tuga Edizioni, 2014).