Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Privacy PolicyOK

Customer Login

Lost password?

Vedi il carrello

Negozio

di Almeida Garrett

Viaggi nella mia terra

Un viaggio reale da Lisbona a Santarém: è questo il filo rosso di questo complesso romanzo nel quale l’Autore intesse tra di loro trame, viaggi, critiche sociali e storiche al tempo a lui coevo. Il viaggio reale incontra il romanzo storico che vede al centro della narrazione la storia di una famiglia, la storia della “casa della valle” e della sorella Francisca, di Fra’ Dinis, di Carlos  e di Joaninha – la “ragazza degli usignoli”. Mentre sullo sfondo si perpetra lo scempio delle guerre intestine tra costituzionalisti e assolutisti, la storia progredisce, si infittisce, le verità nascoste finiscono per essere note a tutti. Anche il viaggio reale, parallelamente, progredisce e l’Autore arriva a Santarém, cittadina simbolo dell’antico fasto nazionale. Il lettore accompagna il narratore-autore nelle sue visite ai monumenti, chiese e palazzi antichi, ritornando poi con lui a Lisbona, lì dove il tutto aveva avuto inizio.

Romanzo scritto da Almeida Garrett nel 1846, prima di questa edizione risultava essere assolutamente inedito in Italia nella sua versione integrale.

ISBN 978-88-99321-03-1


14,00

Informazioni aggiuntive

Formato

15 x 21

Confezione

Brossura

Pagine

256

1 recensione per Viaggi nella mia terra

  1. 5 di 5

    :

    Presentato presso:
    – IPSAR – Istituto Portoghese di Sant’Antonio in Roma (10 marzo 2016)
    – Aula Magna UNINT – Università degli Studi Internazionali di Roma per Convegno Giornate Lusitane di Studi Interuniversitari (19-20 maggio 2016)
    – Casa delle Traduzioni (Roma, 7 marzo 2017)

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L'Autore

Author

João Baptista da Silva Leitão de Almeida Garrett nasce a Porto il 4 febbraio del 1799 in una famiglia agiata. Tra le sue opere, ricordiamo: la tragedia "Catão" (1821), "Camões" (1825), "D. Branca" (1826), "Adozinda" (1828), il trattato "Da Educação" (1829), la "Lírica de João Mínimo" (1829), "Portugal na Balança da Europa" (1830), "Um Auto de Gil Vicente" (1841; tradotto in italiano da E. di Poppa Vòlture ed edito dalla Utet nel 1957 insieme al "Romeo" e un estratto di "Viagens, La fanciulla dei rosignoli"), "O Alfageme de Santarém" (1842), "O Romanceiro" (1843), "Frei Luís de Sousa" (1844), "O Arco de Sant’Ana" (due volumi, 1845-1850),"Viagens na Minha Terra" (1846) e "Folhas Caídas" (1853). Muore a Lisbona a soli 55 anni nel dicembre del 1854.